Ambiente, via libera per l’impiego di 10mila metri cubi di sabbia contro l’erosione (VIDEO)

La Regione Lazio autorizza il X Municipio all’uso della sabbia dragata dal Canale dei Pescatori. Ecco dove andrà contro l’erosione

La Regione Lazio ha dato il via libera al mini-piano anti-erosione attraverso il dragaggio ed il riuso delle sabbie tratte dai fondali della foce del Canale dei Pescatori di Ostia. A disposizione ci sono circa 10mila metri cubi di rena.

COMPATIBILITA’ AMBIENTALE DELLA SABBIA

L’annuncio è arrivato nel corso della conferenza stampa tenutasi questa mattina nel X Municipio per illustrare i risultati della bonifica della darsena e del Canale dei Pescatori da relitti e rifiuti da attività di manutenzione delle barche. “La Regione Lazio – conferma l’assessore municipale all’Ambiente, Alessandro Ievaha autorizzato il dragaggio ed il riuso della sabbia prelevata dalla foce del Canale dei Pescatori di Ostia per la difesa della costa contro l’erosione. Le analisi hanno confermato la compatibilità ambientale di quella rena. L’autorizzazione riguarda 10mila metri cubi”.

L’enorme cumulo di sabbia sul molo di ponente del Canale dei Pescatori

Sono due le destinazioni fissate al momento per i cumuli di sabbia dragata dal Canale. “Quella accumulata sul molo di levante sarà riversata direttamente sulla riva del ‘Med’, quella che si trova sul molo di ponente sarà trasportata con i camion allo stabilimento ‘La nuova pineta – dice l’assessore – L’Ufficio tecnico del X Municipio è a conoscenza del nulla osta e le operazioni possono riprendere da subito”.

In ogni caso – aggiunge Ieva – affideremo al costituendo Tavolo tecnico permanente per l’assetto idrogeologico il compito di progettare, in sintonia con tutti gli enti competenti, un progetto di sistemazione definitiva della foce per evitare i continui insabbiamenti e, quindi, lo sperpero di denaro”.

DUE DIVERSI TIPI DI PROCEDURE

Intanto si accende qualche luce sulla disparità di tempi e procedure avvenute a Ostia per il riuso della sabbia proveniente rispettivamente dal Canale dei Pescatori e dall’imboccatura del porto turistico. Mentre la prima ha dovuto attendere mesi l’esito delle analisi ed il nulla osta della Regione Lazio, l’altra, quella del porto, è stata direttamente riversata sulla spiaggia a ridosso del molo di levante. “La procedura relativa al porto – spiega Ieva – è stata definita interamente dalla Regione Lazio che ha autorizzato lo sversamento della sabbia su lungomare Duca degli Abruzzi. In ogni caso, come X Municipio da una settimana circa abbiamo richiesto che ci vengano fornite le risposte delle analisi effettuate sulle sabbie del porto in base alle quali è stato autorizzato il riversamento diretto sulla spiaggia”.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome