Automobilista sozzona stangata dai vigili: 600 euro di multa per abbandono di rifiuti

Una donna sorpresa a Fiumicino dalle telecamere di videosorveglianza stradale mentre abbandonava immondizia in strada

Arriva con la sua Renault Clio poco dopo le 17,30 del pomeriggio. Parcheggia a un lato di via del Faro che fiancheggia un canneto. Tira fuori un grosso scatolone e lo abbandona per terra, convinta di non essere vista. Invece no. Una delle 74 telecamere di sicurezza sparse sul territorio di Fiumicino immortala la scena e l’automobilista-sozzona sarà raggiunta a casa da una multa di 600 euro.

INCASTRATA DALLE VIDEOCAMERE STRADALI

L’automobilista si ferma a lato della strada: notare i rifiuti sul sedile posteriore. Tra poco saranno abbandonati sul posto

È stata pizzicata da uno degli occhi elettronici la donna che ha abbandonato rifiuti indifferenziati su via del Faro: l’inadempienza le è costata una multa salata. Il fatto è successo il 6 aprile ma la donna si è presentata nella caserma dei vigili urbani solo oggi, 12 aprile.

“Il nostro sistema di videosorveglianza collegato h24 alla sala operativa e a disposizione delle altre forze dell’ordine del territorio – dichiara il Comandante della Polizia Locale, Giuseppe Galli – non è solo importante nei controlli di prevenzione e per la tutela della sicurezza urbana. Può essere un valido strumento anche contro chi sceglie deliberatamente di sporcare il nostro territorio. Ricordo che  articoli di legge vietano l’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e chiunque abbandona o deposita rifiuti è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria. Questa normativa è stata applicata nel caso specifico. Convocato presso la nostra sede l’autore dell’illecito amministrativo ha ammesso il fatto”.

PRESTO ALTRE VIDEOCAMERE

“Attualmente abbiamo 74 telecamere funzionanti in punti strategici del nostro Comune – sottolinea il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino – e siamo in via di implementazione finale. Anche durante le feste pasquali saranno attive e in controllo costante sul territorio. In grado di rilevare illeciti, compresi quelli che riguardano l’abbandono dei rifiuti. Siamo tra i primi comuni di 80mila abitanti ad aver esteso la raccolta differenziata al 100% dei cittadini. Pochi e isolati barbari maleducati non avranno la meglio sulla stragrande maggioranza dei cittadini che conferisce i rifiuti con attenzione e responsabilità. Ringrazio gli agenti della Polizia Locale che ci aiutano, come in questo caso, a ridurre i reati ambientali. Nella consapevolezza che gli occhi dei vigili, delle altre forze dell’ordine e quello delle telecamere fanno il possibile per prevenire e reprimere questo tipo di fenomeni. Il resto, soprattutto su un territorio di oltre 200 chilometri quadrati qual è il nostro, deve farlo ogni singolo cittadino che abbia a cuore le risorse ambientali e naturali del comune di Fiumicino”.

Alle 74 telecamere del progetto approvato in Prefettura e già operative se ne aggiungeranno 27 posizionate dall’assessorato ai Lavori Pubblici in alcuni edifici pubblici e scuole del territorio con l’obiettivo futuro di coprire i 49 plessi scolastici di Fiumicino. E poi dovrebbero essere messe in rete le 48 telecamere dislocate sulla pista ciclabile di via Coccia di Morto. Ecco alcuni dei punti in cui gli occhi elettronici sono già operativi:  via dell’Aeroporto all’altezza di via Portuense, via Torre Clementina, via Coccia di Morto in prossimità di via dei Nautili, via delle Pinne (Focene), Lungomare della Salute all’incrocio con via delle Meduse, Darsena, Ponte 2 Giugno, Via Bezzi, via Trincea delle Frasche in prossimità dell’incrocio con via dell’Aeroporto, lungomare di Levante in corrispondenza di via Gioiosa Marea (Fregene), via Cesenatico (Fregene), via della Pineta (Fregene), lungomare tra Praia a Mare e via Monti dell’Ara (Maccarese).

Commenta questo post

CONDIVIDI
Articolo precedenteOggetti smarriti, gli sbadati hanno un alleato nel Comune di Roma
Prossimo articoloPasqua e Pasquetta, tavole pronte ad ospitare pesce povero e agnello
Giulio Mancini
Giornalista professionista, sportivo, appassionato di cinema, viaggi, architettura e lettura, è iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1983. E’ padre di Simone. Ha collaborato a Radio Luna e scritto per L’Occhio di Maurizio Costanzo, Gente Viaggi, Il Tempo, Il Messaggero. Tra le esperienze televisive quella di collaboratore della trasmissione “Il coraggio di vivere” di Rai 2. Conoscitore della storia del Litorale romano, ha scritto e pubblicato dodici volumi alcuni dei quali in collaborazione con il Ministero per i beni e le attività culturali. Esperto di brand journalism.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome