Batte forte il cuore di “Romanamente Stupendi”, raccolti giocattoli e oltre 2mila euro per il Bambin Gesù

Serata piena di calore quella trascorsa ieri a Le Palme di Ostia

 

Il gruppo di Romanamente Stupendi

Per una volta la gara della Roma è passata in secondo piano. A cuore dei supporter del gruppo Facebook Romanamente Stupendi ieri sera c’era solo la gara di beneficenza: giocattoli e raccolta fondi da devolvere ai bambini più bisognosi, a coloro che lottano come guerrieri in un letto d’ospedale.

Serata emozionante e piena di calore quella vissuta ieri a Le Palme di Ostia, il ristobar sul lungomare Amerigo Vespucci che si è riempito di tifosi giallorossi capitanati ancora una volta da Andrea Olivari presidente del Roma Club Ostia e admin di Romanamente Stupendi insieme a Mario Barrotta, Andrea De Angelis e Claudio Cappioli.

Dopo mesi di organizzazione, l’evento ha dato tutti i suoi frutti: decine e decine di gicattoli e oltre 2mila euro raccolti che saranno consegnati nelle prossime ore all’ospedale Bambin Gesù di Roma.

Una delle tavolate di Romanamente Stupendi

Serate come quelle di ieri riempiono il cuore” è stato il commento di Olivari che può contare su uno staff impeccabile. Ognuno con il suo ruolo, ognuno pronto a dare il massimo.

Roberto Abbadessa impegnato a garantire l’ingresso regolare a tutti coloro che avevano risposto presente sulla pagina Fb alla serata di beneficenza. Fabio Anconetani che ha dedicato corpo e anima alla ricerca degli sponsor che potessero sostenere questa serata così “magica”. Simone Santoloce l’addetto per una sera alla tombola. Tutti insomma con il loro bel da fare: Daniele Pirvu super tifoso, l’uomo delle trasferte, del “tuttofare”. E ancora, l’attore di teatro il lidense e super tifoso Fabio Avaro che intervenuto alla cena, ha animato la serata rendendola ancor più piacevole, Ferdinando Mazzini patron del ristobar pronto a soddisfare come sempre le richieste di tutti, mister Claudio Cappioli (redattore di una rubrica su Insideroma per Romanamente Stupendi) e l’infaticabile Mario Barrotta.

L’attore Fabio Avaro

Menzione speciale merita anche il giornalista Andrea De Angelis, sempre presente con taccuino e cuore. E non è voluto mancare Diego Fois sostenitore del gruppo, partito da Spello ieri pomeriggio perché “non potevo mancare a questa cena” ha detto. Giardiniere, con la “passionaccia” per la scrittura e vignettista doc per Insideroma

Massimiliano e Claudio Cappioli

Tanti i momenti che hanno caratterizzato la serata alla quale ha preso parte anche l’ex giallorosso Massimiliano Cappiolinon sono mancate le emozioni, una serata con tanto divertimento in un’aria natalizia e familiare” il suo commento.

Tra cartelle, numeretti, tombolate e riffe, sono stati assegnati tantissimi premi (quasi tutti dedicati ovviamente alla Roma): dalla maglia del capitano Daniele De Rossi a quella autografata da Lorenzo Pellegrini giovane centrocampista della Roma, a tshirt, felpe, cappellini e piumini tutto messo a disposizione tra gli altri dal super sponsor “Roma Cares”, da “Il Romanista” e da “Automotive Service Group“.

Tante anche le targhe ricordo donate ai tifosi “top” del gruppo che conta più di duemila iscritti.

La maglia autografata da Rudy Voeller

E non poteva mancare la ciliegina sulla torta: la maglia del Bayer Leverkusen con la dedica di Rudy Voeller arrivata per l’occasione dalla Germania grazie al direttore generale di Jako Italia Mauro Redaelli.

Toccante infine il racconto di Simone Arco papà di Gaia (prematuramente scomparsa a seguito di una grave malattia) e appartenente all’associazione Heal (associazione fondata dai familiari di bambini colpiti da tumori cerebrali).

Simone Arco dell’associazione Heal

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome