Il caldo non dà tregua: come difendersi e a chi affidarsi

Temperature asfissianti con 3-4 gradi in più rispetto alla media stagionale. Il decalogo su cosa fare per proteggersi dai colpi di caldo

Il caldo non dà tregua e a farne le spese sono soprattutto gli anziani e i bambini. Il meteo non promette nulla di meglio per i prossimi giorni e sono poche anche le informazioni che arrivano dalle amministrazioni per fronteggiare quella che, per temperature e siccità, si profila con le caratteristiche di un’emergenza. Intanto in mare, il caldo è la causa di questo fenomeno.

TEMPERATURE IN SALITA

In sette mesi nel Centro Italia sono piovuti appena 100 mm di pioggia. Le temperature degli ultimi due mesi sono mediamente di 3-4 gradi superiori alla media. Un problema per tutti e, soprattutto, per le fasce più deboli. L’amministrazione capitolina si è preoccupata dei servizi di accoglienza diurna e notturna rivolti alle persone che vivono in strada, in condizioni di disagio sociale estremo e che sono esposte a rischi per la salute e l’incolumità a causa delle alte temperature. I servizi prevedono disponibilità di punti doccia, fornitura di pasti, bevande, indumenti e anche occasioni di socializzazione e svago nel periodo dal 21 giugno  al 20 settembre. Sono stati stanziati 217mila euro per 250 posti disponibili ma dell’appalto, lanciato il 17 maggio, ancora non è stato messo in opera.

IL DECALOGO CONTRO IL CALDO

Resta il problema per gli anziani soli e, in generale, per le famiglie in condizioni di difficoltà, quindi senza climatizzatore. E’ a loro che è rivolta la campagna del Ministero della Salute per prevenire gli effetti dei colpi di calore. Per ridurre al minimo i rischi delle alte temperature è stato attivato il Sistema nazionale di previsione allarme ondate di calore, che permette la previsione, la sorveglianza e la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione. Nello stesso tempo, dal ministero si ribadiscono le misure e le precauzioni da adottare, anche nei comportamenti quotidiani, per prevenire i rischi del grande caldo.

IN QUESTA PAGINA puoi trovare tutti i suggerimenti per ridurre al minimo i rischi connessi all’ondata di calore che si vive in questi giorni in Italia e a Roma. Vanno dal tipo di abbigliamento da utilizzare, agli orari in cui evitare di uscire, al livello di idratazione da garantire, alla tipologia di alimentazione più indicata.

 

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome