Casal Palocco, identificati dieci giovani coinvolti nella lite con il 17enne trovato agonizzante all’Eur

Sono di Ostia, tra minorenni e diciotteni con alcune ragazze: chi tra loro lo ha picchiato e inseguito all'Eur fino a causarne le lesioni che lo tengono in coma?

Sono una decina, tra minorenni e diciottenni, i giovani coinvolti nella lite fuori dalla discoteca dell’Eur con il 17enne di Casal Palocco G.D.C. trovato in stato d’incoscienza e gravi lesioni nel parcheggio del centro congressuale della “Nuvola”. La polizia li ha identificati e indicati alla magistratura nell’ambito delle indagini collegate all’episodio. Intanto sono stabili ma restano gravi le condizioni del ragazzo che ricoverato è in coma farmacologico presso il San Camillo.

Sono stati identificati dalla polizia i giovani, circa dieci, tra minorenni e appena maggiorenni, coinvolti a Roma nella lite fuori da una discoteca dell’Eur assieme al 17enne di Casal Palocco ritrovato sabato alle 12,30 in gravi condizioni nel parcheggio della “Nuvola”,a non meno di 700 metri dal locale notturno. Tra di loro ci sarebbero anche delle ragazze. Secondo quanto ricostruito finora dagli investigatori, la discussione in strada tra le due comitive di giovani che si conoscevano (vivono tra Ostia e Casal Palocco), è scaturita per motivi banali, forse per l’apprezzamento pesante rivolto a una ragazza o per un drink. Dopo una scazzottata il 17enne è scappato.

Per gli investigatori è stato prima inseguito da due di quelli con i quali aveva litigato e poi anche da qualche amico, che all’altezza di viale Europa ne avrebbero perso le tracce. È in quel momento che, secondo chi indaga, il ragazzo ha scavalcato la recinzione del parcheggio della “Nuvola”. Una telecamera lo avrebbe ripreso sulla rampa all’interno della struttura mentre, a passo veloce, si guardava indietro.

Resta ancora da chiarire se le lesioni gravi siano dovute a un pestaggio o a una caduta. I traumi al cranio, al torace e all’addome riscontrati su G.D.C. sono compatibili con entrambe le ipotesi. Le condizioni rimangono gravi ma stabili. Lo si apprende da fonti sanitarie. Il ragazzo è ancora ricoverato in terapia intensiva dell’ospedale San Camillo e, secondo quanto si è appreso, è in coma farmacologico.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome