Chiusura Ponte della Scafa, concluso tavolo tecnico. Astral: “Valutiamo interventi per renderlo accessibile al più presto”

Intanto da domani, 22 agosto, viene ripristinato il servizio bus di collegamento tra Ostia Lido e Fiumicino Isola Sacra e Fiumicino Aeroporto, interrotto a seguito della chiusura al traffico di Ponte della Scafa

Si è appena concluso il tavolo tecnico convocato con la massima urgenza da Astral SpA, che ha visto coinvolti Regione Lazio, Comune di Roma, X Municipio, Città Metropolitana, Aeroporti di Roma, Anas, Roma Servizi per la Mobilità, Cotral, Comune di Fiumicino e Capitaneria di Porto.

Nel corso dell’incontro, sono state concertate le prime azioni da intraprendere per ridurre i disagi degli utenti, sia con riferimento ai mezzi di soccorso che al trasporto pubblico ed alla segnaletica di percorsi alternativi. Nel frattempo, è stato consentito il transito al ponte delle autoambulanze“. Così Antonio Mallamo, Amministratore Unico di Astral SpA, in merito alla chiusura del Ponte della Scafa, che collega Ostia a Fiumicino, resasi necessaria per motivi di sicurezza.

Una ditta specializzata ed i nostri tecnici sono sul posto per valutare gli interventi in grado di rendere il ponte accessibile al più presto. Consapevoli dei disagi – conclude Mallamo – ma anche del dovere di garantire la massima sicurezza, Astral SpA fornirà aggiornamenti in tempo reale sia agli Enti interessati che agli utenti mediante Astral Infomobilità“.

Al momento è dunque prematuro stabilire o ipotizzare una data di riapertura.

IL SINDACO MONTINO: “MONITORIAMO SITUAZIONE IN ATTESA DELLE VERIFICHE DI ASTRAL”

Ho provveduto io stesso nella giornata di oggi a recarmi più volte sul Ponte della Scafa interdetto al traffico – spiega il sindaco di Fiumicino Esterino Montino. – Ho avuto modo di constatare alcuni visibili deterioramenti di parti della struttura. Rimaniamo in attesa che Astral nelle prossime ore effettui ulteriori controlli per capire se esista la possibilità di riaprire la viabilità sul ponte, anche solo pedonale, combinandola con un sistema di navette. Prendiamo atto che Astral ha già inviato una ditta specializzata e i propri tecnici per valutare gli interventi che rendano accessibile il ponte, come dichiarato dall’amministratore Mallamo” spiega Montino.

In mattinata Montino si era già espresso sulal questione sottolineando l’importanza di una riapertura in tempi brevi. “Non ci sono altri ponti per scavalcare il fiume. Spero che prima dell’apertura delle scuole si chiudano le ricerche ed eventuali lavori sul ponte per tornare alla normalità. Se non dovesse succedere il problema sarebbe enorme. Ci sono circa 3000 ragazzi che vanno e vengono tra Ostia e Fiumicino senza contare dei lavoratori dell’areoporto. Nei momenti di punta sul ponte abbiamo un flusso di 3mila – 4 mila macchine l’ora”.

A vista l’ammaloramento si vede. Il distacco di cemento si nota così come si vedono ferri rotti ed arrugginiti. Il ponte ha bisogno di un intervento straordinario. I lavori sono stati appaltati 3 anni fa ma non sono partiti per le solite lungaggini burocratiche: parliamo di un’opera dal costo di 33 milioni di euro, una cifra molto alta. È in corso il passaggio di questa strada, compreso il ponte, dall’Astral all’Anas. Era già dell’Anas poi è stata regionalizzata. È in corso il nuovo passaggio ma siamo ancora in una fase intermedia. In futuro, comunque, a gestire la strada sarà Anas e non più l’Astral. Bisogna tener presente che per questo ponte c’è un progetto di sostituzione da anni, già appaltato con l’impresa che sta preparando il progetto esecutivo ed entro ottobre – novembre ci sono tutte le possibilità di aprire il cantiere” ha concluso il sindaco.

CALIFANO (PD): “PERIZIE ANDRANNO AVANTI TUTTA LA NOTTE”

Ho sentito nuovamente i vertici Astral e l’assessorato ai lavori pubblici della Regione Lazio. Le perizie sul Ponte della Scafa andranno avanti tutta la notte. Una situazione più chiara si avrà domani intorno a mezzogiorno. Ho nuovamente chiesto che oltre ai mezzi di soccorso possano transitare sul ponte i mezzi pubblici o almeno i pedoni in modo tale da organizzare nel più breve tempo possibile un piano straordinario. Astral si è impegnata a prendere una decisione entro domani. La Regione si è comunque messa a disposizione. Si sta anche valutando la possibilità di realizzare un ponte bailey tra Portuense e Dragona, come emerso dalle varie riunioni di oggi, nella malaugurata ipotesi che il Ponte della Scafa avesse bisogno di ristrutturazioni più importanti. Nel frattempo tramite l’Asl siamo riusciti a ottenere un potenziamento dei servizi sanitari nel Comune di Fiumicino: il raddoppio del personale medico di turno nel Nucleo di Cure Primarie del presidio di via Coni Zugna, per evitare ai codici bianchi e verdi le peripezie verso il Grassi di Ostia; l’apertura dell’ambulatorio pediatrico il sabato e la domenica dalle 10-19, sempre in via Coni Zugna; l’assicurazione di tutte le attività ambulatoriali nei presidi di Fiumicino e dei prelievi con garanzia del trasporto verso il laboratorio di riferimento; l’apertura tutte le mattine e due pomeriggi (martedì e giovedì) del Pua di via degli Orti. Continuiamo a monitorare la situazione minuto dopo minuto”. Lo dichiara il consigliere regionale del Pd Lazio, Michela Califano.

IEVA (M5S): IPOTESI PONTE MILITARE

In queste ore si stanno individuando le ditte specializzate per verificare se la chiusura può essere ridotta, definendo inoltre, a seguito di indagini, il cronoprogramma per la tipologia degli interventi e relative tempistiche. Le difficoltà tecniche emerse riguardano l’accertamento degli appoggi sulle selle gerber che, stante le verifiche tramite i droni, prestano delle perplessità. Il calcestruzzo è sottoposto ad azioni di carbonizzazione e tra le pile e l’impalcato, le casseformi di armature sono in buona parte scoperte e ammalorate dovute al principio erosivo dei flussi di aria proveniente dal mare. Le verifiche approfondite possono essere svolte esclusivamente a ponte chiuso. Le indagini eseguite nel periodo di maggio – giugno erano finalizzate alla redazione di un progetto di manutenzione straordinaria di tipo corticale con il ripristino del calcestruzzo e dei ferri a vista ammalorati.
Tra le valutazioni emerse, è presente l’ipotesi di realizzare un ponte militare con il coinvolgimento del Genio Militare.
Nel corso della riunione sono emerse anche altre osservazioni rispetto alla chiusura del Ponte della Scafa che evidenzia l’insufficiente collegamento tra i territori del X Municipio e Fiumicino determinato dal solo ponte stesso, e risulta pertanto necessario avviare nelle sedi opportune soluzioni alternative come ad esempio la realizzazione di un nuovo ponte che colleghi la parte dell’entroterra del X Municipio a Fiumicino. Altre preoccupazioni manifestate riguardano la necessità di predisporre le opportune verifiche sulla struttura del viadotto di Fiumicino. Nel piano di Protecione Civile del Comune di Fiumicino, infine, è previsto un ponte militare all’altezza di via del Collettore Primario ad Ostia Antica che potrebbe essere una delle ipotesi suggerite” è la relazione del Vice Presidente del Municipio Roma X Alessandro Ieva.

COTRAL, RIPARTE BUS TRA OSTIA E FIUMICINO

Intanto da domani, 22 agosto, viene ripristinato il servizio bus di collegamento tra Ostia Lido e Fiumicino Isola Sacra e Fiumicino Aeroporto, interrotto a seguito della chiusura al traffico di Ponte della Scafa. Lo rende noto il Cotral, spiegando che il programma provvisorio delle corse, approntato in via d’emergenza per limitare i disagi dei pendolari, è stato elaborato individuando percorsi alternativi.

Inoltre, in considerazione del fisiologico aumento dei tempi di percorrenza, Cotral invita la clientela a mettersi in viaggio con il dovuto anticipo per raggiungere i luoghi di lavoro.

Nessuna variazione interesserà invece le corse in partenza da Roma Cornelia e da Roma Magliana per Fiumicino Aeroporto (andata e ritorno).

 

 

 

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome