Chiusura Ponte della Scafa, consiglio congiunto Fiumicino-X Municipio. E Ferrara “bacchetta” la Regione

Intanto Paolo Ferrara capogruppo M5S in Campidoglio bacchetta e chiama in causa la Regione Lazio. "Zingaretti che dice?"

“Questa mattina ho proposto al Sindaco di Fiumicino, Montino, di indire un consiglio congiunto Fiumicino e X Municipio al fine di poter discutere sulla situazione dei gravi disagi che si sono venuti a creare per la chiusura del Ponte della Scafa”.

Così in una nota la presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo.

“Consiglio – ha aggiunto Di Pillo- che porterà ad eventuali soluzioni al problema del traffico. Ho appreso in questo momento che la richiesta è stata accolta e che in questo momento si stanno organizzando gli organi preposti delle due istituzioni al fine di realizzare al meglio questo Consiglio congiunto. Appena saranno decisi il luogo e la data, sarà mia cura comunicarlo”.

A confermare il consiglio congiunto è il sindaco di Fiumicino. “Rimaniamo in attesa nei prossimi giorni di notizie più precise riguardo alle verifiche che Astral stessa sta conducendo sul ponte. Una volta che ne saremo a conoscenza, insieme alla Presidente Di Pillo, fisseremo il luogo e la data per questa seduta congiunta di Consiglio” ha detto Montino.

Paolo Ferrara capogruppo M5S in Campidoglio chiama invece in causa la Regione Lazio (bacchettandola) in un post su Facebook.

“L’ordinanza di chiusura del Ponte della Scafa di Fiumicino, comporta enormi disagi per circa 500.000 romani, creando un blocco totale per i lavoratori diretti all’aeroporto e per tutti i cittadini interessati dal rientro dalle vacanze e dall’inizio delle scuole. Perché Zingaretti ha atteso così tanto per effettuare le verifiche del caso? Un grave ritardo che non ha consentito la predisposizione di un valido piano di viabilità alternativa e la programmazione dei lavori di manutenzione ordinaria necessari per evitare problematiche nei collegamenti stradali tra Ostia e Fiumicino. La Regione Lazio ha sottoscritto un contratto di servizio con Astral spa nel 2016 per la manutenzione ordinaria e straordinaria della Rete Viaria Regionale, tra cui via della Scafa. A fronte di eventuali inadempienze, la Regione ha il dovere di pretendere il rispetto del contratto o, in caso contrario, procedere e cambiare i vertici aziendali. Ammesso, ovviamente, che la stessa Regione non abbia responsabilità dirette di cui dover rispondere. Su questo, ci riserviamo di effettuare le necessarie verifiche. Nel frattempo, ci preme evidenziare come l’improvvisa e repentina chiusura di un ponte di grande importanza per la viabilità romana sia un atto del tutto assurdo e inaccettabile. Chi avrebbe dovuto effettuare le verifiche necessarie a evitare tutto questo? Un ponte non si usura da un giorno all’altro e qualcuno ha responsabilità ben precise. Assolvere ai propri doveri solo dopo tragedie come quella di Genova è un comportamento irresponsabile e per nulla rispettoso della sicurezza dei cittadini. Zingaretti che dice a riguardo?”

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome