Chiusura Ponte della Scafa, forti rallentamenti su via del Mare e via Cristoforo Colombo. Venerdì consiglio congiunto tra Fiumicino e Ostia

Si registrano forti rallentamenti sulla Via del Mare-Via Ostiense da Acilia al Grande raccordo anulare. Rallentamenti in aumento anche tra Colombo e bivio per l’autostrada Roma – Fiumicino. Lo segnala Luce Verde Roma.

Anche ieri sera, per via della chiusura del Ponte della Scafa, si è registrato come ancor più pesante il disagio dei pendolari che, dalla zona di Fiumicino, dovevano fare ritorno nella zona di Ostia e del X Municipio di Roma. Molti hanno impiegato anche oltre due ore per raggiungere le zone di Dragona, Acilia ed Ostia.

Sono i primi effetti, prevedibili, del progressivo massiccio rientro dalle ferie.

Molti pendolari hanno segnalato la situazione con post e video sui social. 

MENTRE SI ATTENDE IL CONSIGLIO CONGIUNTO “Nella giornata di venerdì 31 agosto 2018, alle ore 12,30, nell’aula consiliare del Comune di Fiumicino, si terrà, come previsto, il Consiglio straordinario congiunto con il X Municipio di Roma Capitale. Come già successo in passato, per il problema Alitalia, anche in questa occasione, che ci vede uniti nel disagio provocato dalla chiusura del Ponte della Scafa, si è voluto dare un segnale di unità istituzionale nell’affrontare una difficoltà che riguarda i cittadini di entrambi i territori”.

Così in una nota il Presidente del X Municipio di Roma, quello di Ostia, Giuliana Di Pillo.

“Alle ore 9.00, nell’Aula Di Somma del X Municipio verrà aperto il nostro Consiglio, che subito dopo, come da Statuto, verrà sospeso per darci la possibilità di trasferirci a Fiumicino, laddove potremmo continuare insieme ai consiglieri comunali del Comune a noi limitrofo, le attività consiliari. Sarà un’occasione per far sentire la nostra voce all’interno di un’assise comunale in cui sicuramente ci sarà un’unione di intenti che supererà le differenze ideologiche, per lasciare spazio alle responsabilità politiche e amministrative di ognuno di noi. A tal proposito mi preme ricordare a tutti i cittadini che sarebbe auspicabile la massima partecipazione, in quanto si tratta di un’opportunità istituzionale che può dare maggiore incisività alla risoluzione di questa problematica” conclude.

Anche la presidente del Consiglio comunale di Fiumicino, Alessandra Vona, fugando interrogativi e notizie di stampa che davano oggi in dubbio il consiglio, annuncia che “il consiglio straordinario sulla vicenda del Ponte della Scafa il 31 agosto si farà”.

“Le convocazioni sono già state inviate a tutti i consiglieri. Ci sarà solo un piccolo slittamento per esigenze logistiche dei colleghi e delle colleghe del X Municipio – spiega ancora Vona – Alle 11 ci sarà la capigruppo, aperta ai capigruppo di Ostia, e alle 12,30 andremo in aula insieme con l’assemblea consiliare del X Municipio. Tecnicamente, i consiglieri di Ostia inizieranno il consiglio nella loro aula consiliare, poi lo sospenderanno per venire a Fiumicino e lo concluderanno nuovamente nella sede del X Municipio”.

“E’ un segnale politico forte che vogliamo dare ai cittadini di Fiumicino e di Ostia davanti ai forti disagi che stiamo tutti subendo in questi giorni – conclude Vona – Ho già sentito il vicepresidente del X Municipio Alessandro Ieva e la presidente del Consiglio Catia Guerreschi ed è tutto concordato”.

CISL FP, PERSONALE A RISCHIO “Con l’esposto della Segreteria CISL enti Locali a firma del Segretario Cosentino, prosegue fermamente la nostra azione sindacale di stigmatizzazione di una gestione della chiusura del Ponte della Scafa oggettivamente deficitaria e che sta esponendo il personale delle Polizie Locali di Fiumicino e di Roma, segnatamente del X Mare, a responsabilità e rischi. Sin da subito avevamo rilevato a mezzo stampa come mancassero indirizzi operativi, disposizioni chiare, decisioni formali da parte degli organi istituzionali competenti, e come di conseguenza gli ufficiali e gli agenti dislocati alle chiusure del Ponte fossero stati costretti a vivere operativamente alla giornata e ad assumere decisioni gravide di potenziali conseguenze esiziali, rimesse in buona sostanza al singolo operatore.
Situazione paradossale posto che si sono accavallati incontri e riunioni tra organi amministrativi, riunioni da cui sarebbero emerse deroghe alla iniziale ordinanza di chiusura, deroghe però mai formalizzate in un testo normativo e rimesse a mere comunicazioni.
Questa chiusura impatta sulla viabilità e sulla vita di centinaia di migliaia di persone, e taglia fuori non solo l’Aeroporto ma anche i presidi sanitari, con tutte le gravissime conseguenze facilmente immaginabili.
Stigmatizziamo altresì nella maniera più forte la mancata formalizzazione di indirizzi operativi da fornire al personale impegnato in chiusura.
Spiace poi molto dover constatare, dalle parole del vice capo di gabinetto di Roma Capitale in una sua lettera indirizzata al Comando Generale, che mentre i colleghi sul posto dovevano e devono fronteggiare pendolari inferociti, mettendo a repentaglio la loro incolumità fisica e giuridica, nessun dirigente del Corpo partecipava alle riunioni tra istituzioni. Infine, rileviamo il mancato, assoluto, coinvolgimento delle sigle sindacali cui una sia pur minimale informativa sarebbe stata dovuta e che avrebbero potuto fornire con la loro esperienza un contributo a questa situazione davvero difficile per cercare di lenire anche l’impatto sulla vita della cittadinanza. Questa mancanza di interlocuzione non giova a nessuno, di sicuro non ai lavoratori messi a rischio su strada e chiamati a sopperire alle carenze delle varie amministrazioni né alle decine di migliaia di cittadini pendolari”, così in una nota Raffaele Paciocca RSU Cisl FP e Andrea Venanzoni Dirigente Cisl FP.

Intanto per domani mercoledì 29 agosto è confermata la riapertura a senso unico alternato sulla corsia centrale compresi i mezzi di soccorso, Cotral e pedoni.

“Non ce lo nascondiamo, i disagi ci saranno e saranno comunque tanti, con lunghe file nei momenti di punta con i pendolari, ma è già importante che, da domani, sia stato consentito il transito anche ai pedoni, tutti i mezzi di soccorso e Cotral. L’impatto sarà più contenuto e migliore rispetto ad oggi. Scoraggio, chi non ha necessità ed urgenze, a passare sul ponte. Bene poi i lavori anche di notte che dimezzeranno i tempi dei lavori, spero conclusi in 2-3 mesi”. Così il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, ha commentato, sul Ponte della Scafa, l’ufficialità della riapertura domani, dalle ore 06, a senso unico alternato, della struttura sul Tevere. Montino conferma poi il potenziamento delle navette bus locali, da e per l’aeroporto, con transito a ridosso del ponte. “Spero Raggi e Di Pillo facciano altrettanto sul lato Ostia” ha detto, ma non l’utilizzo di battelli passeggeri sul Tevere. Sul ponte il primo cittadino ha dialogato con l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Mauro Alessandri, e l’amministratore Unico di Astral, Antonio Mallamo, che venerdi parteciperanno al Consiglio straordinario Fiumicino-X Municipio di Roma. Il Comune sta predisponendo adeguamenti viari ed una canalizzazione dl traffico: non si potrà accedere direttamente al ponte dal tratto terminale di via della Scafa, la laterale a via dell’Aeroporto, per “non creare effetto intasamento – spiega Montino – per andare su via dell’Aeroporto si dovrà prendere e salire dalla la bretellina che avevamo chiuso. Ci sarà poi uno sbarramento sul semaforo di via Trincea delle Frasche, ad evitare un secondo tappo, separando il traffico di attraversamento da quello locale”. Infine, sull’ipotesi tramontata del ponte Bailey Montino dice “che ormai non aveva più ragion d’essere, per gli aspetti tecnici e per la viabilità d’adeguamento che andava realizzata: se ora sul ponte i tempi i dimezzano la situazione è più sopportabile”.

“Il senso unico alternato sul Ponte della Scafa partirà domani mattina alle 6. Grazie alle continue pressioni siamo riusciti a ottenere anche il passaggio dei mezzi di soccorso (vigili del fuoco compresi), il passaggio pedonale e soprattutto il passaggio del trasporto pubblico Cotral (oltre naturalmente a quello già annunciato di autovetture e motocicli)” spiega il consigliere regionale del Pd Lazio, Michela Califano.

Per tentare di snellire il più possibile il traffico il Comune di Fiumicino ha predisposto un servizio navette interno che partirà dal Ponte della Scafa fino all’aeroporto.

L’amministrazione comunale di Fiumicino ha inoltre deciso di interrompere l’ultimo tratto di via della Scafa in direzione X Municipio. Questo per ‘smistare’ il traffico. “Quindi se venite da Roma per andare nel X Municipio bisogna utilizzare l’uscita via del Mare del Raccordo. Tutto normale per i residenti di Fiumicino” conclude Califano.

 

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome