E’ morto Tomas Milian, amico di Ostia e Fiumicino

E’ morto ieri, mercoledì 22 marzo a Miami, Tomas Milian, nome d'arte di Tomás Quintín Rodríguez Milián, un attore eccezionale amico di Roma e del suo litorale

E’ morto ieri, mercoledì 22 marzo a Miami, Tomas Milian, nome d’arte di Tomás Quintín Rodríguez Milián, meglio conosciuto in Italia per la serie di poliziotteschi nei quali interpretava er Monnezza. L’attore era nato a Cuba, a L’Avana, il 3 marzo 1933, quindi aveva 84 anni.

UNA CELEBRITA’ CHE AMAVA ROMA E OSTIA

Tomas Miliam, attore straordinario, amico del litorale romano, si è spento all’età di 84 anni

Milian, arrivato a Roma alla fine degli anni Cinquanta, si è innamorato della Capitale dichiarando che vi avrebbe voluto nascere ed esprimendo il desiderio purtroppo irrealizzato di viverci i suoi ultimi anni. E proprio a Roma è tornato il 16 ottobre del 2014 per ricevere il Marc’Aurelio d’oro al festival del Cinema. Nella sua carriera di circa 100 film Tomas Milian ha lavorato con i più grandi registi, da Bolognini a Lattuada, Ferreri, Loy, Visconti, Pasolini, Maselli, Lizzani, Cavani, persino Sydney Pollack, Olivier Stone e Steven Spielberg. Ma è a due registi che Miliam deve la sua popolarità: a Umberto Lenzi, ideatore del genere dei poliziotteschi, e a Bruno Corbucci del maresciallo Giraldi. Un rapporto, quello con i due registi, che ha consacrato anche l’amicizia di Tomas Milian con il litorale romano (dove peraltro è venuto a vivere anche Umberto Lenzi). Tra Ostia e Fiumicino, infatti, sono ambientate diverse scene dei film di Miliam ed è di Ostia il brigadiere Gargiulo, lo stuntman e attore Massimo “Muscoletto” Vanni, spalla del maresciallo Giraldi.  A Ostia entrambi a ottobre 2014 hanno presentato la biografia Monnezza amore mio.

LE SEQUENZE SUL LITORALE

Come racconta il libro Ostia set Naturale in “Squadra antiscippo” (1976, regia di Bruno Corbucci), film nel quale nasce il personaggio del maresciallo Giraldi-er Monnezza, una delle prime scene è occupata da una lunga sequenza ambientata nel Borgo di Ostia Antica dov’è stato creato un mercato. Mentre una parte della banda di scippatori riesca e fuggire sulla moto per le stradine interne, il maresciallo Giraldi compare in sella alla sua Suzuki direttamente dall’ingresso del Castello. In “Squadra antimafia” (1978, Bruno Corbucci) una sequenza è girata a Passo della Sentinella, alla foce di Fiumara Grande.

Sul volume Ciak si vola viene citato il film “Squadra antitruffa” (1977, regia di Bruno Corbucci) dove, dopo i titoli di testa sull’aeroporto di Fiumicino e la truffa della finta schedina di Venticello (Bombolo), la scena successiva è all’Infernetto dove Er Fibbia (Leo Gullotta) tenta la truffa dell’acqua che diventa benzina. Una scena esilarante tra Giraldi e il brigadiere Gargiulo (Massimo Vanni) è quella legata a un’indagine da compiere in via Ipponatte, una strada di Casal Palocco. All’alba, invece, il maresciallo deve incontrare un confidente: l’appuntamento è sul Ponte della Scafa, in un paesaggio rispetto ad oggi irriconoscibile. Gargiulo si esibisce in uno spettacolare tuffo nel Tevere. Un killer ha ucciso il confidente e inizia un inseguimento che porterà davanti alle case popolari di Isola Sacra ed al Faro, poi ancora sulla banchina e alla darsena di Fiumicino.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome