“La boxe femminile, guerriere che vogliono riscoprire se stesse”. Parla Monica Gentili

L'atleta cresciuta nella Champion Club di Marcello Paciucci si racconta: "Avendo un carattere da guerriera sin da piccola, la boxe ha saputo scavarmi e ha plasmato il mio carattere"

«Quando boxavo, boxavo contro il mondo, e il mondo contro di me. Oggi Cuba è contro il mondo e il mondo è contro Cuba. E allora a me spetta un compito. Quello di difendere il mio paese». Proprio la particolarità della boxe a Cuba è il nocciolo del problema: la chiamano “boxe sociale” perché tiene bene in conto la sicurezza e l’attenzione all’atleta.

ACILIA SULLE PAGINE DEI GIORNALI CUBANI

Si spiega così la scelta del dilettantismo, di una boxe che non punta alla distruzione dell’avversario o alla mancanza di rispetto. Il professionismo è molto più pericoloso e i pugili subiscono molti più danni, ma è anche vero che un professionista combatte molto poco mentre un dilettante lo fa in continuazione. La boxe a Cuba ha l’obiettivo di creare una forma sana di sport eliminando qualsiasi tipo di mercato economico attorno agli atleti, insomma uno sport anticapitalista. Con questo spirito, lunedì 20 marzo, ospite del pluricampione italiano dei pesi medio-massimi, il Maestro Marcello Paciucci, fondatore dell’ASD Champion Club di Acilia, nel cuore dell’entroterra del Municipio X della Capitale, Frank Gonzalez, inviato della più importante Agenzia di Stampa Latinoamericana, Prensa Latina-Cuba, è venuto ad intervistare le donne che fanno pugilato, perché a Cuba il pugilato femminile è proibito.

Monica Gentili (tratta da facebook)

Ospite d’eccezione Monica Gentili, che ha animato l’allenamento del corso delle 13.30. Pienone di atleti, abbracci, gioia e orgoglio per la sua presenza. Donna dolcissima, un po’ timida, ma una tigre sul ring e negli allenamenti. Un onore per tutte le ragazze e i ragazzi della palestra. Per loro i numeri non contano. Monica, ranking mondiale 35/123 con 13 incontri, 78 round, 6 vittorie (di cui una per KO tecnico) è soprattutto la pugile laziale nel cartellino di Paciucci, che ha con grande coraggio sfidato l’imbattuta irlandese Katie Taylor a inizio marzo 2017 allo 02 Arena – Millenium Dome, di fronte ad un pubblico di oltre 25mila persone. Queste alcune delle domande poste da Frank Gonzales.

Monica, hai iniziato il pugilato da giovane?

No, avevo 31 anni e ho iniziato per gioco. Volevo dare una svolta alla mia vita. Per tanti anni mi ero dedicata al culturismo. Un mio amico mi portò a fare una prova di pugilato. Mi era piaciuta, ma non avevo ancora chiuso un ciclo della mia vita. Così non ho dato seguito, ma dopo un annetto sono ritornata nella stessa palestra e da lì non ho più lasciato il Maestro con cui avevo iniziato. Avendo un carattere da guerriera sin da piccola, la boxe ha saputo scavarmi e ha plasmato quel carattere tanto che poi ho deciso di salire sul ring ed iniziare questa carriera che mi dà molte soddisfazioni”.

Tu sei una professionista nella boxe: significa che è l’unica attività che fai nella vita?

No, purtroppo lavoro in Aeroporto, settore sicurezza. Questo mi toglie molto tempo alla boxe. Fisicamente è dura perché la mattina mi alzo alle 3, vado al lavoro, torno e poi si parte con gli allenamenti. Poi c’è la casa, la famiglia. Non è facile, ma il pugilato per me è passione pura per cui la fatica non la sento. Mi fa star bene, mi rende felice, perché ogni giorno mi alzo sapendo che nel pomeriggio posso dedicare quelle due/tre ore all’allenamento”.

Attorno alla boxe in Italia c’è un luogo comune duro a morire, che sia uno sport violento, figuriamoci il pugilato femminile…

Sì, purtroppo c’è ancora questa idea. Salire sul ring rimane per molti un discorso che si limita al picchiarsi, alla violenza. Purtroppo la gente ignora cosa sia realmente la boxe. Non sa che prima di arrivare lì c’è tutta una storia dietro, una storia fatta di passione e di insegnamenti: il rispetto, l’amare la vita, il sacrificio. Alzarsi tutte le mattine, anche nei giorni del dolore, e sapere che la boxe mi aiuterà a contenere questo dolore con la consapevolezza che la vita andrà avanti è una cosa impagabile”.

AVVERSARI SOLO SUL RING

Un momento dell’intervista di Frank Gonzalez a Monica Gentili (da facebook)

A Cuba, da dove proviene Frank Gonzalez, esiste una tradizione pugilistica antica e riconosciuta in tutto il mondo. Sono migliaia i pugili a Cuba e la bellezza e la grazia della escuela de boxeo cubana resiste. Ho sempre paragonato un incontro di pugilato a Cuba ad una coppia di ballo. Danzano con tecnica sopraffina e alla fine dell’incontro è bellissimo vedere come i due pugili ritrovino la loro amicizia, magari seduti a terra a parlare della rivoluzione, dei grandi campioni che hanno fatto la storia del pugilato a Cuba, anche di quella politica. E’ una esperienza che si vive anche fuori da Cuba?

Per quanto riguarda lo spirito di amicizia direi di sì. Diciamo che il 90% delle volte è così. Ho fatto anche degli incontri in cui sono capitati piccoli screzi con l’avversario, però se c’è una cosa che contraddistingue questo sport è proprio il rispetto verso la persona che hai di fronte. Non sono mai salita sul ring pensando “Odio quella persona”. Certo, ci metto cattiveria, perché voglio vincere per dimostrare a me stessa non tanto che sono la più forte, ma che posso dare tutta me stessa, giocarmi il tutto per tutto. Quando finisco il combattimento per me l’avversario è una persona alla quale portare solo rispetto. Per quanto riguarda l’aspetto politico direi di no. Certo, il fatto che la RAI abbia abdicato dalla boxe perché considerato uno sport diseducativo la dice lunga…

Due settimane fa a Londra ti sei confrontata con Katie Taylor. Non è da tutti combattere davanti a 25mila persone contro un calibro come l’irlandese …

Ho fatto molte esperienze internazionali, ma l’ultima è stata una delle esperienze più belle della mia vita perché combattere davanti ad un pubblico di 25mila persone, forse anche di più, è qualcosa che può paralizzarti. Credo che non sia da tutti, soprattutto confrontarsi contro forse la più forte al mondo. Ho perso, ma ho portato a casa la mia vittoria”.
E così Frank Gonzalez lascia la palestra dopo aver raccolto le voci diverse di tutte le donne, ma con in comune la passione della boxe. Chissà se la palestra di Marcello Paciucci, grazie anche ai Maestri come Fabio Zapponi (che ha affiancato il Maestro Valerio Monti all’angolo della Gentili a Londra), riuscirà, come accaduto tante volte, a sfornare un’altra campionessa. L’ultima, che ha iniziato proprio con il Maestro Zapponi a 14 anni fino al suo esordio sul ring, è stata Giordana Sorrentino, un’altra laziale, laureatasi neo campionessa italiana a Chieti italiana categoria 57 youth nelle scorse settimane. Rimane fra loro un rapporto indissolubile, di amicizia e di riconoscenza. E’ la magia della boxe.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome