Ostia, a 200 km/h sul lungomare si schianta dopo aver sfiorato i pedoni

Strage sfiorata per un pazzo che su Audi A3 ha percorso a tutta velocità l’isola pedonale del Pontile e il lungomare

Ha percorso il lungomare a 200 km l’ora, in parte contromano e sfiorando i passanti nell’isola pedonale del Pontile, fino a schiantarsi contro le auto in sosta dove fino a pochi minuti prima c’erano i tavolini di un chiosco.

E’ la cronaca di una strage sfiorata quella della bravata di un uomo che stanotte, quando era già iniziato sabato 15 luglio, ha lanciato la sua auto, una Audi A3, a tutta velocità attraversando prima l’isola pedonale del Pontile, poi percorrendo contromano un tratto di lungomare e, infine, andandosi a schiantare contro il rondò di piazza Scipione l’Africano per finire la sua corsa contro le auto in sosta davanti al “Summer kiosk“.

Le condizioni nelle quali si è ridotta l’Audi A3 dopo l’impatto con il rondò e con le auto in sosta
Il lato guidatore dell’Audi A3 dopo l’impatto con le auto in sosta in piazza Scipione l’Africano

Tutto è successo poco dopo la mezzanotte e mezza. L’uomo, un italiano sui 40 anni d’età, al volante di un’Audi A3 bianca è entrato come un bolide nella zona pedonale di piazza dei Ravennati, al Pontile, dalla parte dello stabilimento “Elmi” sfiorando i pedoni, tra i quali anche un bambino di 5 anni. Uscendo con l’auto dal lato dell’isola pedonale davanti al Battistini ha fatto inversione a U e, sul lungomare, contromano, a tutta velocità è andato in direzione del porto per poi schiantarsi sulla rotonda di piazza Scipione l’Africano. L’Audi A3 a quella velocità (testimoni riferiranno che il contachilometrti si è fermato sui 200 km l’ora) è rimbalzata, schizzando sul lato opposto contro le auto in sosta davanti al “Summer kiosk”, una Chevrolet Matiz e una Kia Carnival.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per estrarre dalle lamiere l’incosciente automobilista che è rimasto illeso, salvato dagli airbag e dalla circostanza che il telaio piegandosi gli ha comunque preservato le gambe.  Senza neanche un graffio addosso, ha riferito alla Polizia locale e ai carabinieri che stava provando la velocità della macchina nuova. Pezzi di motore sono esplosi finendo in un raggio di 50 metri, la batteria schizzata via è stata ritrovata nel parcheggio di lungomare Duca degli Abruzzi.

Lo scenario di piazza Scipione l’Africano dopo l’incidente della Audi A3

Solo per una fortunata circostanza non c’è stata una strage. Fino a pochi minuti prima, infatti, nel punto dell’impatto contro le auto in sosta, sedute ai tavolini del chiosco di piazza Scipione l’Africano, c’erano diverse persone sedute a consumare gelati e caffè. Il personale dell’Ares 118 ha sottoposto l’automobilista al narcotest e al test sul tasso alcolemico ma non si conoscono i risultati degli esami, così come non è chiaro se l’uomo sia in regola con il possesso della patente.

Commenta questo post

CONDIVIDI
Articolo precedenteFlash mob della Carmen sul Pontile, flop di presenze a Ostia (IL VIDEO)
Prossimo articoloFiumicino, il sindaco contro i piromani: “Chi ha sospetti chiami la polizia”
Giulio Mancini
Giornalista professionista, sportivo, appassionato di cinema, viaggi, architettura e lettura, è iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1983. E’ padre di Simone. Ha collaborato a Radio Luna e scritto per L’Occhio di Maurizio Costanzo, Gente Viaggi, Il Tempo, Il Messaggero. Tra le esperienze televisive quella di collaboratore della trasmissione “Il coraggio di vivere” di Rai 2. Conoscitore della storia del Litorale romano, ha scritto e pubblicato dodici volumi alcuni dei quali in collaborazione con il Ministero per i beni e le attività culturali. Esperto di brand journalism.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome