Ostia, chiede cambio residenza e scopre che non potrà votare il 4 marzo

Per l’anagrafe, quindi, Fabio diventa un cittadino residente a tutti gli effetti a Roma ma per le liste elettorali, che vengono aggiornate ogni sei mesi, non lo è

Mi stanno negando un mio diritto, è una vergogna“. E’ questo lo sfogo di Fabio, 47 anni, romano, che stamattina si è recato in via Claudio ad Ostia per un cambio di residenza e contestualmente per ricevere la nuova scheda elettorale per votare alle politiche e regionali di domenica 4 marzo.

Ed è qui che salta fuori un’amara (forse meglio assurda) situazione. Di certo non per colpa degli uffici del X.

Un passo indietro è doveroso. Fabio ha vissuto negli ultimi anni, per lavoro, al nord, nel Veneto. Da poco è tornato a vivere a Roma, nel X Municipio, dove questa mattina si è recato e dove è rimasto senza parole.

Devono passare 45 giorni a partire da oggi” spiega Fabio. I 45 giorni sono effettivamente necessari per la convalida a tutti gli effetti della nuova residenza, vale a dire che decorsi i 45 giorni dal giorno di richiesta della residenza sei ufficialmente iscritto all’anagrafe del nuovo comune. E quindi potrai richiedere la scheda elettorale.

Per l’anagrafe, quindi, Fabio diventa un cittadino residente a tutti gli effetti a Roma ma per le liste elettorali, che vengono aggiornate ogni sei mesi, non lo è.

Mi stanno rubando il mio diritto di voto e mi pare impossibile che non ci sia qualcosa che si possa fare per esercitarlo come cittadino romano. Non mi fermo qui, voglio andare a votare nel mio Comune” tuona ancora Fabio.

Sì perchè Fabio oggi non può esercitare il diritto al voto a Roma ma semmai dovrebbe tornare al nord (nella sua ultima città di residenza) e votare là. “Perchè dovrei andare a mie spese a quasi 700 km? Non ci penso proprio. A me oltretutto interessa oltre il voto alle politiche anche quello alle Regionali, è tutto assurdo“.

Quanti altri cittadini stanno nella stessa barca di Fabio e non potranno votare? “Poi però si lamentano della scarsa perecentuale degli aventi diritto che vanno al voto. Bisognerebbe capire cosa e perchè la gente non va alle urne“.

Commenta questo post

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome