Ostia, crollano i rami dagli alberi malati: tragedia sfiorata davanti alle scuole (IL VIDEO)

Platani malati da anni che rischiano di crollare sui bambini che entrano a scuola e sui passanti: in corso Duca di Genova l’emergenza si fa più grave. La caduta di rami da diversi metri di altezza ha costretto mercoledì 8 marzo i vigili del fuoco e la polizia locale ad un intervento di messa in sicurezza immediata. Fortunatamente quandoè successo, intorno alle 17,00, gli alunni dell’elementare “Garrone” e dellamedia “Marco Polo” (istituto comprensivo “Giuliano da Sangallo”) erano giù usciti dalla scuola e non ci sono stati feriti.

I vigili del fuoco hanno lavorato per più di un’ora sui rami più alti e pericolanti mentre la strada è rimasta chiusa al traffico automobilistico ed al passaggio degli autobus, con grossi ritardi nei collegamenti. “E’ una tragedia sfiorata ma, diciamolo con chiarezza, si tratta anche di una tragedia sfiorata” osserva Maurizio De Lucia,presidente del Comitato di quartiere Repubbliche Marinare che ricorda le sue denunce fatte invano al X Municipio. “Il 21 luglio dello scorso anno – rammenta– ci siamo incontrati con la Commissione straordinaria che amministra il municipio e abbiamo espresso tutta la nostra preoccupazione per lo stato dei sei platani morti e pericolanti, proprio davanti all’ingresso delle scuole, trai civici 135 e 145. Dalla viceprefetto Scialla abbiamo ricevuto rassicurazioni scritte di un intervento rapido ma non è successo nulla. Anzi, adesso i platani pericolosi sono diventati otto”.

In realtà qualcosa è successo. A fine anno 2016 il X Municipio ha svolto una gara d’appalto (scadenza 9 dicembre) per “Abbattimento degli alberi privi di attività vegetative” con una base di circa 24mila euro di dotazione economica. Due le imprese ritenute idonee a partecipare e l’appalto è stato provvisoriamente assegnato (pubblicazione del 29 dicembre) alla ditta  Fazzari Francesco srl che avrebbe sede a Reggio Calabria grazie ad un ribasso d’asta del 40%. Di quei lavori al momento non si vede traccia.

“Da tre anni denunciamo invano la pericolosità di quegli alberi morti davanti alle scuole – si aggiungeal coro delle proteste Amedeo Paglia del comitato “Territorio in movimento” –Vorremmo sapere a cosa serve una Commissione prefettizia per amministrare un municipio se non si provvede almeno a fronteggiare le emergenze”.

I sei platani davanti alla “Garrone”sono morti per effetto del cancro colorato, una malattia che si sviluppa a carico degli organi legnosi dei platani per azione del fungo Ceratocystis fimbriata. “E’ importante provvedere alla rimozione delle piante malate, non solo perché i rami possono spezzarsi quindi costituiscono pericolo per i passanti e gli automobilisti ma anche perché c’è il rischio fondato che la patologia si trasmetta anche agli alberi vicini” sottolinea Leonardo Perronace, di Studio botanico perito agrario tra i massimi esperti in Italia.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome