Ostia, trovata con 5 etti di cocaina: in manette “Lady coca”

105 veicoli controllati, oltre 200 le persone identificate e una dozzina le contravvenzioni elevate.

Al termine di un’impegnativa indagine, i Carabinieri di Ostia hanno arrestato una 37enne pregiudicata romana la quale, sottoposta a perquisizione personale e domiciliare, è stata trovata in possesso di oltre 5 etti di cocaina. Nell’indagine, la costanza e il tempo impiegato dagli investigatori per monitorare i movimenti di «lady coca» sono stati presto ripagati, riuscendo a bloccarla ad Ostia con il «carico» di droga, pronto per essere suddiviso in dosi e venduto sul litorale; lo stupefacente, qualora immesso sul mercato, avrebbe fruttato oltre 25.000 euro.

Sono, altresì, scattate le manette ai polsi di di un 27enne incensurato, che nella propria auto aveva un vero e proprio «supermercato della droga».

Durante il controllo a un «pusher itinerante» ad Ostia, i Carabinieri, utilizzando l’infallibile fiuto del cane antidroga, sono riusciti a recuperare sette dosi di cocaina, nove dosi di eroina e due dosi di marijuana, tutte ben occultate in vani appositi e pronte ad essere vendute per soddisfare ogni richiesta. Sempre ad Ostia, due uomini (di cui uno agli arresti domiciliari e l’altro con l’obbligo di presentazione in caserma), a seguito delle varie segnalazioni dei Carabinieri circa il mancato rispetto delle prescrizioni impostegli, sono stati arrestati e tradotti in carcere, in ottemperanza di provvedimenti dell’Autorità giudiziaria di aggravamento della pena. Allo scopo di contrastare ogni forma d’illegalità anche negli ambienti di lavoro, i Carabinieri di Ostia, supportati dal personale del Nucleo Operativo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Roma, hanno eseguito vari controlli al termine dei quali sono state denunciate due persone, titolari di altrettanti esercizi commerciali di Ostia, al cui interno sono stati rilevati, tra l’altro, degli impianti di video-sorveglianza installati senza le prescritte autorizzazioni.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome