Ostia vista da Tor San Michele (IL VIDEO)

Il 28 maggio apertura straordinaria della torre dell’Idroscalo. Ecco il panorama che nessuno ha mai visto

Tor San Michele è di Ostia ed è a Ostia che vogliamo regalare il nostro lavoro per recuperarla”. Sergio Leoni, presidente onorario dell’associazione “Tor San Michele Onlus” di volontariato per il recupero dei beni artistici abbandonati tra i rovi e le discariche, così anticipa la giornata si apertura straordinaria del monumento dell’Idroscalo.

IL PANORAMA DALLA SOMMITA’ DELLA TORRE

In anteprima rispetto alla giornata di apertura straordinaria, vi proponiamo un video (montaggio di Elisa Palchetti) nel quale anticipiamo quale sarà il panorama che vi aspetta. La torre è alta 18 metri ovvero quanto un palazzo di cinque piani e tutto e per ritrovare edifici così alti bisogna arrivare fino a via Carlo Avegno. Il colpo d’occhio, perciò, non è ostacolato da barriere. Lo sguardo si può spingere da un lato fino a incrociare il faro di Isola Sacra, una struttura di forma simile in disuso da oltre mezzo secolo e ormai abbandonata a se stessa. Di incomparabile bellezza lo scenario che si apre a ponente di Tor San Michele, con la foce di Fiumara Grande ai piedi: suggeriamo di assistere al quadro che si mostra al tramonto. Di fronte, verso il mare, si riconosce il vasto lago dell’Oasi Lipu Centro Habitat Mediterraneo e, poco oltre, il bacino del Porto di Roma con gli alberi delle vele e i megayacht ormeggiati. Un po’ defilata, lungo via dell’Idroscalo, la chiazza verde del Parco Pasolini, un memoriale che ricorda il luogo dove venne ucciso l’intellettuale, e, proseguendo la strada, il basso villaggio di casupole sulla punta di mare.

IL PERCORSO STORICO-MONUMENTALE

Ancora gli ultimi ritocchi e tutto sarà pronto per le 8 del mattino di domenica 28 maggio quando dopo almeno settanta anni di abbandono e secoli di chiusura al pubblico, Tor San Michele sarà accessibile al pubblico. Tutti potranno entrare, a piccoli gruppi accompagnati dalle guide volontarie dell’associazione che è stata autorizzata dalla Soprintendenza alla gestione dell’evento e dagli architetti dello studio “Structura”. “Il nostro obiettivo è di farla visitare ad almeno tremila persone” segnala Leoni. Il programma dettagliato è in via di definizione ma IN QUESTO ARTICOLO è possibile conoscere ciò che succederà di massima quella domenica. Sarà richiesto il pagamento di una piccola quota valida come iscrizione all’associazione e come copertura assicurativa.

Sergio Leoni davanti all’ingresso di Tor San Michele

Ovviamente per l’associazione, che ha come uno dei caposaldi il ricercatore Giovanni Mustazzolu, non è che un primo passo. “Contiamo di poter proseguire a tenere aperta la torre e a consentire le visite guidate – anticipa Leoni – L’obiettivo dell’associazione è di avviare insieme con la riapertura di Tor San Michele un nuovo percorso storico-monumentale del litorale romano ovvero rendere accessibili al pubblico anche Torre Boacciana e Villa di Plinio, due beni di incommensurabile bellezza e suggestione”.

Commenta questo post

CONDIVIDI
Articolo precedenteOstia piange Tonino Prochilo, amato Meccone tra i pionieri della città
Prossimo articoloMorandi Calcio, quando promozione fa rima con umiliazione
Giulio Mancini
Giornalista professionista, sportivo, appassionato di cinema, viaggi, architettura e lettura, è iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1983. E’ padre di Simone. Ha collaborato a Radio Luna e scritto per L’Occhio di Maurizio Costanzo, Gente Viaggi, Il Tempo, Il Messaggero. Tra le esperienze televisive quella di collaboratore della trasmissione “Il coraggio di vivere” di Rai 2. Conoscitore della storia del Litorale romano, ha scritto e pubblicato dodici volumi alcuni dei quali in collaborazione con il Ministero per i beni e le attività culturali. Esperto di brand journalism.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome