Pugilato, stasera al “Palazzetto dello sport” di Roma Di Napoli vs Morri

E’considerato dagli addetti ai lavori come uno degli astri nascenti del pugilato romano. Questa sera, alle ore 20 presso “Il Palazzetto dello Sport” a Roma, si appresta ad affrontare il suo quinto match da professionista (per ora quattro vittorie su quattro incontri). Parliamo di Kevin Di Napoli, 21 anni, categoria medio-massimi, nato e cresciuto ad Ostia Lido, è considerato uno dei pugili italiani più promettenti in circolazione. Ha sfiorato le olimpiadi di Rio del 2016, figlio d’arte di Gianni,  campione italiano, europeo e mondiale militare pesi piuma.  “Ho fatto 4 match da professionista – spiega Di Napoli – sono rimasto imbattuto su tutti e 4. Ora farò il mio quinto match e lo farò con un avversario che rispetto molto, Flavio Morri; un match dove dovrò usare più la testa che la forza e mi sono allenato nel migliore dei modi per essere competitivo.

Kevin di Napoli

“HO DETTO NO ALLE TENTAZIONI”

Kevin, oltre al talento puro e alla predisposizione innata per la “nobile arte”, vanta nel suo curriculum numerose “pazzie”. Parliamo di vere e proprie tentazioni che lo hanno spinto ad allontanarsi momentaneamente dal suo quartiere per poter preparare questo match nel miglior modo possibile:”mi sono allontanato da Ostia per stare lontano da tantissime tentazioni e preparare l’incontro nel miglior modo possibile. Ho deciso di dire no alle tentazioni per poter crescere come atleta ma sopratutto come uomo. Al momento mi alleno all’interno della palestra “Sparta Boxe” di Alessandro Filippo a Roma. Ho fatto una grandissima preparazione per la quale ringrazio in particolare i pugili Marco Scafi e Giovanni Carpentieri che mi hanno assistito durante le innumerevoli sedute di sparring. Per il resto non faccio pronostici e non mi sbilancio, il match si vedrà stasera, voglio vincere per andare di corsa verso qualcosa di più grande e poter continuare al meglio nel mio percorso di crescita, umana e sportiva”.

Di Napoli durante uno dei suoi match.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome