Riaperto il Ponte della Scafa, file da Ostia verso Fiumicino

È stato riaperto parzialmente intorno alle 6.40 il ponte della Scafa che collega direttamente Ostia con Fiumicino, e che era stato chiuso il 20 agosto per sopralluoghi tecnici ed ispezioni.

Possono passare, come già annunciato ieri, veicoli leggeri, mezzi di soccorso e Cotral a senso unico alternato su una corsia centrale di circa tre metri.

Su un lato è stato invece canalizzato in un passaggio di un metro il traffico pedonale e delle biciclette.

Attualmente, si registrano file consistenti dalle zone di Ostia ed Ostia Antica verso Fiumicino. Più contenute le file da Fiumicino in direzione Ostia. Stasera è prevedibile il contrario.

Per tutta la notte gli operai hanno lavorato per asfaltare la struttura e sono state tolte altre tonnellate di materiale tra parapetti e marciapiedi. Sul ponte è presente una segnaletica di canalizzazione.

I due accessi del ponte sono presidiati dai vigili di Fiumicino e del X Municipio.

Con il passare delle ore, dopo le 9, si è capovolta la situazione del traffico legato alla riapertura, a senso unico unico alternato, del Ponte della Scafa. Più file da Fiumicino in direzione Ostia ed invece fluida nella direzione contraria. Una situazione che, a seconda delle fasce orarie, nell’arco della giornata, è prevedibile sia a “fisarmonica” in base ai flussi ed ai movimenti dei pendolari. Chi invece, questa mattina, ha percorso da Ostia verso Fiumicino il tragitto alternativo più lungo ha impiegato, in media, dai 40 ai 50 minuti. Con l’adeguamento di alcuni punti della viabilità interna ad Isola Sacra, deciso dall’amministrazione comunale di Fiumicino, per separare il più possibile il traffico di attraversamento su via dell’Aeroporto da quello locale, ci sono pattuglie della polizia locale in vari punti di via della Scafa dove, tra l’altro, al semaforo di via Trincea delle Frasche, è stato interdetto l’accesso diretto su via dell’Aeroporto. 

PER LE IMBARCAZIONI- La Capitaneria di Porto di Roma-Fiumicino comunica che, dalle 12 di oggi, consentirà di nuovo il transito delle imbarcazioni sul Tevere, sotto il Ponte della Scafa. E’ stata pertanto abrogata l’Ordinanza emessa lo scorso 21 agosto dopo la chiusura totale della struttura. Permane invece il divieto di sosta ed ormeggio nei 50 metri sia a monte che a valle del ponte, in considerazione del fatto che verranno eseguiti ancora degli interventi sulla struttura.

“La verifica reale la potremo fare tra qualche giorno, quando tutti saranno rientrati a lavorare e inizieranno le scuole – commenta il sindaco Esterino Montino -. E’ importante che i cittadini di entrambi i territori interessati, che non hanno una necessità imprescindibile di usare il ponte per andare da una parte all’altra, scelgano di passare dal GRA. Percorreranno qualche chilometro in più, ma in una situazione di traffico più scorrevole”.

IL SOPRALLUOGO DEL COMUNE DI ROMA Sopralluogo di tecnici Atac e di Roma Servizi per la Mobilità per valutare l’istituzione di un servizio bus navette per Ostia. “L’idea è quella di istituire una linea circolare da Ostia al ponte della Scafa con frequenza ogni 30 minuti, per dare supporto alle navette già predisposte dal Comune di Fiumicino e ai mezzi Cotral in servizio nella zona. Roma Capitale è pronta a dare tutto il sostegno necessario per ridurre al minimo i disagi dei pendolari” sottolinea la sindaca Virginia Raggi.

Luce Verde Roma informa inoltre:

Con ordinanza dell’ASTRAL del 28 Agosto 2018, viene disposta DALLE ORE 06:00 DEL 29 AGOSTO 2018 E FINO ALLE ORE 05:59 DEL 28 NOVEMBRE 2018 la riapertura temporanea e parziale del ponte con le seguenti prescrizioni e limitazioni:

  • istituzione del senso unico alternato regolato da impianto semaforico, per tutti i mezzi e i veicoli leggeri di massa a pieno carico inferiore a 6,0 t che dovrà avvenire nella sola corsia centrale, di larghezza utile pari a 3,0 ml, opportunamente individuata sulla mezzeria dell’impalcato e delimitata con specifica segnaletica;
  • deroga a quanto sopra, per consentire il transito ai bus Cotral di massa a pieno carico fino a 18,0 t e ai mezzi pesanti dei Vigili del Fuoco di massa a pieno carico fino a 18,0 t, limitando il transito ad un solo veicolo per volta e a passo d’uomo, opportunamente controllati;
  • istituzione del transito pedonale nella fascia adiacente alla corsia centrale predetta, appositamente predisposta e delimitata;
  • la riduzione del limite massimo di velocità consentita a 20 km/h, su tutto il tronco stradale oggetto di restringimento.

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome