X Municipio, M5S boccia mozione per chiedere più vigili. Paciocca (Cisl Fp): “Soffocato il grido di aiuto della Di Pillo”

Abbiamo appreso che il grido di aiuto della Presidente di Pillo alla Sindaca, in occasione del Consiglio municipale straordinario tenutosi ad Ostia il 23 maggio che conteneva la richiesta dell’invio di più poliziotti locali ad Ostia, viene soffocato dalla sua stessa maggioranza a distanza di nemmeno 24 ore. Maggioranza che in sede di consiglio municipale, il 24 maggio, boccia una mozione con cui veniva richiesto all’amministrazione capitolina un congruo numero di poliziotti locali, tra quelli neoassunti, da destinare a Ostia“.

Lo dichiara in una nota Raffaele Pacioccadelegato Cisl Polizia locale X gruppo Mare.

Da tempo – prosegue Paciocca – sollecitiamo come Cisl Fp segnali di attenzione della amministrazione capitolina per un gruppo in fortissima sofferenza in termini di organico e alle prese con crescenti incombenze e proprio per questo avevamo accolto con grande favore ed apprezzamento le parole della Presidente Di Pillo, le quali certificavano questa sofferenza e questa mancanza di personale: ed invece ecco la inspiegabile doccia fredda. Non ci interessa entrare nelle dinamiche politiche ma prendiamo atto del dato fattuale: la sua stessa maggioranza vota contro una mozione che invece era in perfetta coerenza con quella richiesta e con quel grido di aiuto. Ci chiediamo, con seria preoccupazione, quale programmazione e quale pianificazione sia possibile attendersi da una amministrazione che prende una posizione risoluta ed il giorno dopo la contraddice.
Abbiamo serie preoccupazioni che non trovano conforto in una chiara linea di indirizzo e di coerenza. Ci sono gravi carenze di organico nella Polizia Locale del Decimo Gruppo Mare ed anche nel personale anagrafico“.

LA REPLICA

Non si è fatta attendere la replica del M5S chiamato in causa da Paciocca. A prendersi la briga di rispondere al delegato Cisl Fp è il Capogruppo del Movimento 5 Stelle del X municipio di Roma Capitale Antonio Di Giovanni.

Il delegato Cisl Paciocca del gruppo della Polizia Locale del X Mare, decida se fare il sindacalista o il politico. Partiamo dal fatto, che non si trattava di Consiglio straordinario, ma ordinario e la maggioranza non ha soffocato nessun grido d’aiuto del Presidente del X municipio. Appare evidente che il Paciocca, anziché informarsi presso le sedi competenti, si fa imboccare dalle informazioni provenienti dalle opposizioni, facendo da spalla a chi oltre a strumentalizzare le azioni di questa Amministrazione, tende a mistificare la veridicità dei fatti. La mozione respinta, a cui fa riferimento lo zelante sindacalista, in cerca di visibilità, presentata dal Gruppo politico “Ora – Sogno comune”, ha ricevuto il voto contrario della maggioranza per la pleonasticità del suo dispositivo. In sintesi, chiedeva di impegnare il Presidente Giuliana Di Pillo ad adoperarsi verso la Sindaca a fare una richiesta peraltro già inoltrata nei giorni precedenti che richiedeva un maggior numero di vigili urbani vincitori del nuovo concorso. La Presidente con atto protocollato l’11 maggio c.a. , quindi antecedente alla mozione presentata, ha assolto a questa esigenza chiedendo con forza agli organi competenti un congruo numero di agenti da destinare al nostro territorio, evidenziando le problematicità che ne auspicano un assegnazione oculata, per migliorare tutti quei servizi ad oggi in evidente sofferenza. Stia tranquillo quindi Paciocca e cerchi di attingere notizie all’interno della propria amministrazione, dove sicuramente troverà il documento in questione, piuttosto che cimentarsi in dichiarazioni pretestuose e prive di fondamento. Ricordo a chi dovrebbe rispettare l’etica del sindacato, che la mistificazione, trasforma la realtà e da alla comunicazione un carattere strategico ed interessato, sicuramente non utile alla comunità del nostro territorio“.

Sorride Paciocca. “Ma io non faccio politica, attacco sempre tutti solo per tutelare i dipendenti”. 

E spiega: “In riferimento alle dichiarazioni rilasciate dal capogruppo pentastellato del X Municipio Di Giovanni e contenenti per altro una ridda di aggettivazioni ed un frasario più teso alla polemica personale che non alla sostanziale confutazione dei rilievi mossi dalla scrivente sigla sindacale in tema di carenza di personale e di mozione bocciata dalla aula consiliare, la CISL- FP X Mare precisa come per altro già ampiamente scritto nel comunicato originario che non é intenzione di questa sigla offrire sponda ad alcuna parte politica, di maggioranza o di opposizione, come dimostrato nel corso degli anni dalle assai spesso serrate vertenze intercorse con le passate amministrazioni.
Dobbiamo però prendere atto e ribadire la contraddittorietà di un comportamento che il giorno precedente, durante il consiglio comunale tenutosi in via straordinaria ad Ostia e la cui straordinarietà deve essere sfuggita al solerte consigliere, vede enunciare una richiesta di maggiori dotazioni di personale da noi molto apprezzata poiché mirante a colmare un grave problema oggettivo e poi il giorno seguente durante il consiglio municipale cui ha integralmente assistito un dirigente sindacale CISL FP vede bocciare una mozione sulla mera considerazione del suo essere stata presentata dalla opposizione ed essere quindi tendenzialmente ridondante.
Il consigliere Di Giovanni parla di una lettera inviata alla sindaca l’11 Maggio dalla maggioranza municipale per richiedere più personale e quindi della asserita valenza meramente pleonastica della mozione in discussione nella aula Di Somma: fermo restando che tra un atto consiliare e una lettera tutta interna alla dialettica della mera maggioranza municipale-centrale esiste una differenza di non poco momento, dobbiamo anche aggiungere le nostre fortissime perplessità in termini di trasparenza e comunicazione istituzionale posto che di questa lettera non é stata data alcuna comunicazione.
Perplessità e scetticismo accresciuti dalla recente vicenda della linea verde anti-abusivismo, nella quale si é dimostrato in maniera inequivocabile come la stessa in realtà non esista nonostante le dichiarazioni della maggioranza.
Appare poi piuttosto singolare per una forza politica che giustamente parla di processi partecipativi, valorizzazione dei corpi intermedi, trasparenza e superamento degli arcana impèrii amministrativi, l’invito rivolto ad personam a cercare internamente alla amministrazione questa lettera.
Rispediamo infine al mittente la lezioncina in tema di etica sindacale: questa sigla e i suoi dirigenti hanno dimostrato coi fatti, come dimostrato anche dalla cronaca degli scorsi anni e recente, una condotta eticamente ineccepibile e un contegno inattaccabile.
Auspichiamo quindi che la maggioranza voglia, coi fatti, dare seguito a quanto richiesto dalla Presidente Di Pillo e far assegnare un sostanzioso numero di neoassunti al gruppo X Mare”.

 

Commenta questo post

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento
Per favore inserisci il tuo nome